was successfully added to your cart.

Carrello

I dolci natalizi della tradizione

I dolci natalizi della tradizione



È iniziato il conto alla rovescia, ormai il Natale è alle porte!

Passeggiando per le strade ricolme di luci e decorazioni ormai si respira l’atmosfera natalizia, ormai ci siamo, il Natale sta arrivando! Ma state già pensando a come organizzare il pranzo? Ma soprattutto… a come concluderlo? Quali dolci natalizi proporre?

In effetti il Natale è anche un’occasione per gustare le tradizionali prelibatezze, soprattutto i dolci natalizi, ma anche per osare in cucina, sperimentando la preparazione di nuove dolci creazioni… e tentazioni!

Nonostante siamo abituati a degustare piatti e dolci tradizionali, quando li assaggiamo il giorno di Natale, ci sembrano diversi, nuovi, dal sapore unico e squisito, proprio perché evocano sentimenti e ricordi, alimentando anche il nostro senso di appartenenza.

Proprio per riuscire ad abbracciare tutti in questo difficile periodo, seppur distanti, vogliamo cercare di evocare ricordi ed emozioni, presentando i diversi dolci tipici regione per regione, proprio perché ogni paese e territorio ha un proprio piatto, che conserva tradizione ed anni di storia.

Valle d’Aosta

Il dolce tipico natalizio della Valle d’Aosta è la Micoòula, una pagnotta dolce di segale e frumento con castagne, fichi secchi, uvetta e scaglie di cioccolato fondente, che dal giorno dell’Immacolata, diventa alimento simbolo di tutto il periodo natalizio.

Piemonte

Nel Piemonte troviamo il tronchetto di Natale, o buche de Noel, un dolce natalizio a forma di tronco ricoperto solitamente di cioccolato o crema di caffè e riempito di marmellata. Si ispira a un’antica leggenda, ossia quella di bruciare nel camino un grosso ceppo considerato benaugurale per il nuovo anno.

Liguria

In Liguria il dolce natalizio più amato è il pandolce, una soffice focaccia ripiena di canditi ed uvetta, sempre presente sulle tavole liguri per tutto il periodo delle feste natalizie, per essere gustato in qualsiasi momento della giornata.

Lombardia

In Lombardia ci sono molteplici dolci natalizi… diciamo che la regione può vantare il primato per l’invenzione dei dolci natalizi! Ogni città ha un dolce tipico: a Milano il Re indiscusso è il panettone, in provincia di Cremona c’è invece il torrone, in Brianza il tipico Pantramvai, in Valtellina la Bisciola… e molti altri ancora!

Trentino Alto Adige

Zelten è il nome del dolce tipico natalizio trentino, originario del Sud Tirol. Il nome, infatti, probabilmente deriva dal tedesco selten, che significa raramente, volto ad indicare l’occasione speciale della sua preparazione: il periodo natalizio. Il dolce è una torta con frutta secca, uvetta, cannella e canditi.

Friuli Venezia Giulia

In Friuli Venezia Giulia, in particolare nelle Valli del Nastione, troviamo la gubana, un tipico dolce natalizio a forma di chiocciola, del diametro di circa 20 cm, cotto al forno, a base di pasta dolce lievitata, con un ripieno di noci, uvetta, pinoli, zucchero, grappa e scorza grattugiata di limone.

Veneto

Il Veneto è la patria del Pandoro, dolce di origine veronese apprezzato in tutto il mondo. Il Pandoro è un dolce ricco di storia, aneddoti e leggende, ma la nascita ufficiale è il 14 Ottobre 1884, giorno in cui Domenico Melegatti depositò all’ufficio brevetti questo dolce, caratterizzato da un impasto morbido e gustoso.

Emilia-Romagna

In questa regione si prepara il Panone di Natale, dolce natalizio tipico delle comunità bolognesi e di provincia. Questo dolce si prepara con ingredienti semplici e poveri: mostarda di mele cotogne, fichi secchi, cioccolato e miele.

Toscana

La Toscana è la regione del Panforte, dolce natalizio che ha origini molto antiche: le prime testimonianze scritte risalgono all’anno Mille. Questo dolce viene prodotto da forno basso e morbido, ripieno di frutta candita, mandorle e spezie.

Lazio

Il dolce tipico natalizio laziale è il Pangiallo, nome che deriva dalla sua colorazione dorata, che si forma durante la cottura in forno. Il dolce è il risultato id un impasto di farina, frutta secca, miele e cedro candito.

Umbria

In Umbria troviamo il torciglione, un dolce a base di mandorle, che prende il nome dalla sua forma: a spirale, spesso decorata come se fosse il serpente e preparato soprattutto in occasione delle feste di Natale.

Marche

Il Frustingo è il dolce natalizio marchigiano per eccellenza. Si narra infatti, che questo sia il più antico dolce di Natale, al punto d’essere più remoto ancora del Natale stesso, e che la sua ricetta sia passata dalle mani etrusche a quelle picene. La ricetta classica prevede un composto di pane, al quale vengono aggiunti fichi secchi, mosto cotto, frutta secca, cioccolato e spezie.

Abruzzo

In Abruzzo c’è il classico Parrozzo, un dolce dalla forma semisferica. Questo dolce natalizio si crea con un impasto di granoturco, al quale si aggiungono mandorle, dolci e amare, e una copertura di finissimo cioccolato fondente.

Molise

Il Molise è la terra dei Caragnoli, dolci tipici a forma di elica preparati con farina, uova e olio, poi fritti e ricoperti di miele.

Puglia

Le Cartellate sono i dolci tipici pugliesi. Si tratta di sottili sfoglie di pasta ottenuta con farina, olio e vino bianco, lavorate a forma di rosa, fritte in abbondante olio e guarnite con miele o mosto.

Campania

In Campania invece si preparano gli Struffoli. Il termine deriverebbe dal greco strongoulos, ossia arrotondato e pristòs, che significa tagliato. Gli struffoli sono infatti palline di palline di pasta dolce, fritte e poi intinte nel miele, decorate con confettini colorati e frutta candita.

Basilicata

In Basilicata troviamo i calzoncelli fritti, dolce che a Natale non può assolutamente mancare. Sono tegolini di pasta sfoglia realizzati con la farina di grano, chiusi a fagottino e ripieni di crema di castagne o ceci. Dopo averli fritti, si coprono con dello zucchero a velo oppure con del miele.

Calabria

In Calabria si mangiano i Cannarituli. Il termine deriva da canna o cannolo, ovvero l’apposito utensile utilizzato per avvolgere la pasta. Infatti, questi dolcetti hanno la forma di piccoli cannoli e vengono poi decorati con il miele d’api.

Sicilia

La Sicilia è portatrice di numerosi dolci natalizi, tra i quali si ricorda indubbiamente il Torrone. Chiamato Cubbaita, è fatto con le mandorle, le nocciole o i pistacchi. Ed è un dolce che vanta un antichissima tradizione, a base di zucchero, miele e mandorle, o sesamo.

Sardegna

Infine, la Sardegna. Qui si prepara il Pan’e Saba, ovvero il Pane di Sapa. Ogni zona della Sardegna ha la sua ricetta tradizionale, e viene arricchito con prodotti locali come noci, nocciole, uva passa, e aromi come scorza di limone o arancia e semi d’anice.

 

Il periodo natalizio è un’opportunità per evocare ricordi, emozioni e per spolverare le ricette della tradizioni e tramandarle alle generazioni future. Con la speranza che quest’articolo abbia acceso in voi l’atmosfera natalizia e la voglia di mettersi ai fornelli per prepararsi al meglio al Natale!

 
PRENOTA ORA